Nuovo video Di Margherito: “Un tramezzino a metà”
marzo 2, 2018
SWING CIRCUS
marzo 3, 2018

INFO

Joan As Police Woman • Damned Devotion Tour
martedì 27 marzo 2018
La salumeria della musica – Via Pasinetti, 4
apertura porte ore: 20.30 – inizio concerto ore: 21.30
biglietti in prevendita: 18 € + ddp // in cassa: 22 €
prevendite disponibili ➧ http://www.mailticket.it/evento/12021

***************
dopo aver celebrato nel 2016 una decade di successi internazionali con “Let It Be You”, il disco realizzato in collaborazione con Benjamin Lazar Davis, Joan As Police Woman è pronta a tornare con “Damned Devotion”, il nuovo album in arrivo il 9 febbraio 2018 su etichetta Pias.

sito || www.joanaspolicewoman.com
fb || www.facebook.com/joanaspolicewoman

“Damned Devotion”
‘Questo disco è più scuro e riflessivo’ dice Joan Wasser. ‘Il titolo è certamente drammatico, ma è un tema a cui ho pensato per tutta la mia vita: com’è possibile vivere una vita devota senza diventare pazzo o perdere la testa?”.
Già nota per le sue emozionanti performance e i suoi testi aspramente onesti, “Damned Devotion” ci
mostra la versione più ‘cruda’ di Joan. Mentre “The Classic” (2014) era una celebrazione appassionata della vita e “The Deep Field” (2011) respirava romanticismo in ogni canzone, questo disco è un ritorno alle origini, ai testi nudi e alle melodie senza tempo che avevano caratterizzato “To Survive” (2008) e “Real Life” (2006). Non sono solamente i testi ad essere cambiati: “Ho sempre cercato nuovi modi per comporre canzoni più selvagge e libere” ha spiegato “In questo disco ho sperimentato molto di più con le
percussioni, modificando e manipolando i beat di Parker Kindred”.
Il mio motto è “se sembra spaventoso parlarne allora va sicuramente detto”.
Il primo singolo ad essere condiviso è “Warning Bell”, una tenera ed incantevole canzone legata al rimpianto in cui Joan parla dell’ “essere romantica e dell’ingenuità che ne deriva. Nonostante non voglia perdere la mia innocenza, sono stata in situazioni in cui avrei voluto un allarme che mi svegliasse dai miei sogni”.